Consulenza o Preventivo Gratuito

Legge di stabilità, i commi scompaiono con il drafting

del 26/11/2011
di: di Matteo Rigamonti
Legge di stabilità, i commi scompaiono con il drafting
Tra i commi scomparsi c'è anche l'Enav. È diverso il testo della legge di stabilità (legge n. 183 del 12 novembre 2011) pubblicato sul Supplemento ordinario n. 234/L alla Gazzetta Ufficiale n. 265 del 14 novembre scorso da quello emendato dal Governo e approvato dalla Camera dei deputati (il testo di cui questo giornale si è servito per realizzare l'Istant book dedicato alla legge in questione). Nel drafting precedente alla pubblicazione in Gazzetta è stata infatti modificata la numerazione degli articoli (per esempio gli articoli 4-bis, 4-ter e 4-quater sono diventati gli articoli 5, 6 e 7). E fin qui nulla di strano. Il problema sorge dal momento che ben otto commi dell'articolo 4 sono semplicemente scomparsi. Anche perché, se è vero che la Camera li ha approvati, non si può certo dire che siano stati soppressi. Da chi mai avrebbero potuto essere soppressi? Dai tecnici degli uffici normativi della Camera, forse? E in base a quale forma di legittimazione? Il problema è reale.

Il primo comma scomparso dall'articolo 4 della legge di stabilità è il comma 32, che tratta di regolamenti ministeriali in materia di compensi per l'assistenza fiscale prestata dai Centri di assistenza fiscale (Caf). I successivi sono i commi 42 e 43: il primo stabiliva che «la sottoscrizione dei contratti di programma e di servizio, relativi agli anni 2010-2012 tra lo Stato e Enav Spa», non potesse «essere differita oltre il 31 gennaio 2012»; il secondo stabiliva invece che «i contratti di programma e di servizio relativi agli anni 2007-2009» avrebbero dovuto essere intesi «approvati con le prescrizioni deliberate dal Cipe nella seduta del 22 luglio 2010 in esito alla sottoscrizione».

Tra i commi scomparsi ci sono poi il 45, il 46, il 49 e il 50. Il comma 45 che costituiva «norma speciale» per l'Agenzia del territorio «rispetto al regime generale delle Agenzie fiscali. Il comma 46 conteneva disposizioni relative all'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (Aams) e all'Agenzia per lo sviluppo del settore ippico. Il comma 49 modificava l'art. 52, comma 1-bis del dlgs 165/2001 recante «norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche». Il comma 50 era riferito alle controversie di lavoro per i dipendenti della pa, in caso di danno non patrimoniale derivante da provvedimenti dell'amministrazione e conseguente domanda di risarcimento.

L'ultimo comma scomparso dal testo dell'art. 4 della legge di stabilità (legge 183/2011) è il comma 92, che apporta modifiche al dl 31 marzo 2011, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 maggio 2011, n. 75, recante «disposizioni urgenti in favore della cultura, in materia di incroci tra settori della stampa e della televisione».

vota