Consulenza o Preventivo Gratuito

Ipoteca, il bene resta a metà durante la sospensione

del 21/09/2011
di: La Redazione
Ipoteca, il bene resta a metà durante la sospensione
Il provvedimento di iscrizione ipotecaria tributaria è soggetto a sospensione ex articolo 47 del dlgs 546/1992. La sospensione dell'ipoteca implica la cessazione temporanea degli effetti dell'iscrizione, con la conseguenza che l'esattore, nel frattempo, non potrà procedere alla vendita forzosa del bene ipotecato; al contempo, il bene non rientrerà comunque nella piena disponibilità del contribuente sino ad un'eventuale pronuncia di merito favorevole. Questo il significato che si trae dall'ordinanza n. 145/02/2011 della Ctp Frosinone, con la quale il collegio di prime cure ha accolto l'istanza di sospensione proposta dal contribuente. Sul tema della sospensione delle ipoteche tributarie si erano espresse in precedenza numerose Commissioni tributarie, giungendo a conclusioni completamente differenti. La Ctp Lecco, ad esempio, nell'ordinanza n. 35/02//2011 dello scorso 3 maggio, aveva dichiarato inammissibile l'istanza proposta ex art. 47 del dlgs 546/92 osservando che il provvedimento d'iscrizione ipotecaria, per sua natura, non fosse suscettibile di sospensione. L'iscrizione d'ipoteca, a parere del collegio lombardo, può essere solamente cancellata o confermata da una sentenza di merito ed è quindi «inammissibile il ricorso alla procedura cautelare al fine di ottenere la sospensione dell'efficacia del provvedimento». Di diverso tenore i contenuti dell'ordinanza della Ctp Frosinone, che ha accolto l'istanza di sospensione proposta dal ricorrente e disposto l'applicabilità dell'istituto previsto dal citato art. 47 anche ai provvedimenti d'iscrizione ipotecaria. Il collegio osserva che «l'istanza concerne l'esecuzione di atti di riscossione coatta ed è, come tale, ammissibile», individuando nella circostanza che l'esattore possa procedere alla vendita forzosa del bene «un grave e irreparabile danno». La pronuncia trova in effetti conforto in un orientamento dottrinale che ritiene l'istituto della sospensione estendibile anche alle ipoteche tributarie. L'ordinanza di sospensione di un'ipoteca, in termini pratici, impartisce all'esattore un ordine di «non facere», evitando che lo stesso possa procedere alla vendita del bene ipotecato prima che sia intervenuta una sentenza di merito. Il bene, tuttavia, nonostante la sospensione dell'ipoteca, non rientra nella piena disponibilità del proprietario, il quale a sua volta non può alienarlo prima di una eventuale pronuncia di merito favorevole.

vota