Consulenza o Preventivo Gratuito

Poker cash e casinò online, prime partite dal 18 luglio

del 14/06/2011
di: Nicola Tani
Poker cash e casinò online, prime partite dal 18 luglio
Si giocheranno il 18 luglio le prime partite legali di Poker cash e casinò online. E' quanto comunicano i Monopoli di Stato che hanno pubblicato sul sito ufficiale una nota che chiarisce le modalità operative per lo start-up dei nuovi prodotti. I concessionari già attivi dovranno integrare la propria convenzione entro il 6 luglio, mentre l'avvio della raccolta «potrà essere attivata a partire da lunedì 18 luglio 2011 e, a seguire, ogni primo e terzo lunedì del mese, per i procedimenti di autorizzazione di nuove piattaforme e giochi conclusi entro tali termini». Novità anche i bonus che i concessionari offrono ai giocatori – uno dei fondamentali strumenti di marketing per il mercato telematico di skill games, poker e casinò online – che, spiegano ancora i Monopoli di Stato, non sono direttamente prelevabili dai giocatori e concorrono al calcolo dell'aliquota. Per il poker in modalità torneo, l'imposta unica è stabilita nella misura del 3 per cento della raccolta, mentre su cash e casinò online ammonterà al 20% del volume al netto delle vincite: nel primo caso, i bonus “sono soggetti all'imposta prevista”, nel secondo “sono equiparati al credito di gioco e pertanto concorrono alla raccolta”. In ogni caso, i giocatori non potranno prelevare direttamente i bonus concessi dagli operatori, mentre sarà possibile incassare gli importi delle eventuali vincite generate grazie ai bonus. Infine, in caso di mancata movimentazione del conto di gioco per tre anni, i bonus inutilizzati non saranno computati nelle somme devolute all'Erario. Nei primi quattro mesi del 2011, riferisce Agipronews, skill games e poker online hanno raccolto quasi 1,1 miliardi di euro, con una spesa procapite di oltre 20 euro, mentre l'Erario ha beneficiato di 32 milioni. Ai giocatori sono andati 955 milioni in vincite (la percentuale di vincita media è poco sopra il 90%), con un dato procapite di 19 euro. Per il 2011, la stima di raccolta per il solo poker cash è di circa 4 miliardi di euro, a cui si aggiungono i 2,5 miliardi che incasserà la modalità a torneo (per il quale è previsto un leggero 'calo' rispetto ai 3,1 miliardi del 2010). Sarà boom anche per i conti gioco: il 2010 ha chiuso con oltre 4,3 milioni di conti attivi, in crescita del 51,4% sui circa 2,9 milioni del 2009. I ricavi per la filiera (escluse le tasse) derivanti dal poker cash si stimano in circa 200 milioni di euro.

vota