Consulenza o Preventivo Gratuito

Cura dimagrante per Unico Sc

del 04/02/2011
di: di Andrea Bongi
Cura dimagrante per Unico Sc
Cura dimagrante per il modello Unico SC 2011. Scompaiono infatti sia l'elenco nominativo dei soci delle società a responsabilità limitata sia il prospetto dei dati di bilancio redatti secondo i principi dettati dal codice civile. Entrano invece a far parte del nuovo dichiarativo delle società di capitali, il bonus campionari e il prospetto ad hoc per la gestione del c.d. transfer pricing. Sono queste le novità più importanti che caratterizzano il nuovo modello Unico SC 2011, da oggi in rete in versione definitiva sul sito internet dell'Agenzia delle entrate.

Da quest'anno dunque le società a responsabilità limitata non dovranno più compilare la prima sezione del quadro RO per inserire i nominativi dei loro soci. La suddetta sezione è stata infatti eliminata con un intervento di semplificazione auspicato già da tempo.

Anche gli altri quadri del modello sono connotati da varie novità dovute sia a una semplificazione di carattere generale del modello, sia per il recepimento delle novità normative.

Il quadro RS - prospetti vari, risulta alleggerito nella parte relativa all'esposizione dei dati di bilancio delle società di capitali nella quale dovranno essere indicati solamente quelli riferiti ai bilanci redatti secondo i principi contabili internazionali Ias/Ifrs.

Debuttano invece all'interno del suddetto quadro apposite sezioni dedicate alla gestione di alcuni incentivi fiscali quali la c.d. Tremonti tessile e l'incentivo alle reti d'impresa. Per quanto attiene alla prima, meglio conosciuta come bonus campionari, si tratta di un'agevolazione fiscale concessa alle imprese operanti nel settore tessile dall'articolo 4 del dl 40/2010 e che dovrà essere gestita nel rigo RS107 del quadro. In tale rigo andranno collocate in due distinte colonne, l'ammontare degli investimenti effettuati dall'impresa in colonna 1 e la parte di essi che risulta agevolabile in colonna 2.

Anche per l'incentivo fiscale concesso alle reti d'impresa dal dl 78/2010, il quadro RS dedica un apposito rigo RS108 nel quale andranno riportate in colonna 1 le quote di utili e in colonna 2 la parte di questi che risultano agevolabili ai sensi della disposizione richiamata.

Spazio ad hoc sempre nel quadro RS per la gestione della disciplina relativa ai c.d. prezzi di trasferimento che si caratterizza in particolare per la possibilità riservata al contribuente di barrare la casella inserita nel rigo RS109 denominata «possesso documentazione». Così operando il contribuente avrà accesso al regime di esonero dalle sanzioni previste dall'articolo 1, comma 2, del dlgs n.471/1997.

Modifiche anche all'interno del Quadro RF del modello Unico SC 2011 in particolare per quanto attiene al prospetto per la determinazione degli interessi passivi indeducibili ex articolo 96 del Tuir. In particolare dal periodo d'imposta 2010 per le società con esercizio solare sarà possibile riportare agli esercizi successivi le eccedenze del reddito operativo lordo non utilizzate per la copertura degli interessi passivi di periodo. Tale eccedenza di ROL dovrà essere indicata dal contribuente nel rigo RF 120 colonna 2 del prospetto.

All'interno della sezione dedicata al calcolo degli interessi passivi indeducibili è utile ricordare che, sempre con decorrenza dal 2010, i soggetti con esercizio solare non potranno più avvalersi di alcuna deduzione forfettaria degli interessi passivi essendo ormai decorso il primo biennio di applicazione della nuova normativa. Si ricorda infatti che tale deduzione era stata concessa in misura pari a 10 mila euro nel primo anno di applicazione della nuova disposizione (2008) e a 5 mila euro per il secondo anno (2009).

Nel modello Unico SC 2011 per la prima volta il calcolo degli interessi passivi deducibili avverrà sulla base del differenziale puro, senza deduzioni forfetarie, degli stessi rispetto a quelli attivi.

Per il resto il modello si caratterizza per i due interventi di semplificazione citati in apertura: l'eliminazione dell'obbligo di indicare l'elenco nominativo dei soci delle srl e la scomparsa del prospetto dei dati di bilancio per i soggetti che redigono lo stesso secondo i principi del codice civile. Si tratta di due novità che saranno senz'altro apprezzate dalla maggioranza dei contribuenti interessati.

vota