Consulenza o Preventivo Gratuito

Multe e ricorsi: no ai rimborsi se già pagate

del 13/09/2010

Multe e ricorsi: no ai rimborsi se già pagate

Il proprietario dell’auto sanzionato per aver infranto le norme del codice della strada può evitare la decurtazione dei punti dalla sua patente a fronte di una multa supplementare di 263 Euro se ignora ‘per giustificato motivo’ l’identità del conducente. Nel caso in cui si scelga di fare ricorso tale sanzione viene bloccata, a patto però che la multa non sia già stata pagata. Solo chi non ha saldato e ha ricevuto il verbale da non più di 60 giorni è in tempo per presentare un ulteriore ricorso contro la multa per mancata comunicazione. Secondo il nuovo Codice della Strada appena varato i ricorsi, notificati anche via fax o e-mail ‘certificata’, vanno rivolti al prefetto quando l'infrazione viene accertata da organi statali; a regioni, province e comuni quando il verbale arriva dai rispettivi corpi di polizia locale. Nel caso in cui il giudice non accetti il ricorso del cittadino, il termine di pagamento della multa è fissato a 30 giorni dalla notifica della sentenza.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...