Consulenza o Preventivo Gratuito

Le ragioni degli avvocati

del 29/02/2012

Le ragioni degli avvocati
Riparte dal Teatro Adriano di Roma la protesta degli avvocati italiani.
Due giornate di stop alle udienze e manifestazione nazionale degli avvocati nella Capitale, indetta dall’Organismo unitario dell’avvocatura (in sigla Oua), contro le “liberalizzazioni selvagge” e la “rottamazione della giustizia” e per la riforma e modernizzazione della macchina giudiziaria e della professione forense.
Nell’assise saranno anche decise ulteriori iniziative di protesta, nonché la partecipazione alla manifestazione unitaria di tutti i professionisti al Professional Day, in calendario giovedì primo marzo nella Capitale e che prevede eventi collegati in varie località d’Italia, tra cui Napoli (al Ramada Hotel) e Salerno (al Mediterranea Hotel). Aderiscono allo sciopero anche i penalisti, mentre l’Unione giovani – da non confondere con l’Associazione italiana giovani avvocati/Aiga – prende le distanze (vedere qui accanto – Ndr).
L’astensione precede una nuova fase di scioperi: sono infatti già state decise altre quattro giornate di astensione dalle udienze, in contemporanea con il Congresso straordinario forense di Milano, in agenda dal 21 al 24 marzo.
A deliberare i nuovi scioperi di marzo l’assemblea nazionale dell’Organismo unitario dell’avvocatura, convocata nei giorni scorsi a Roma, presso la sede della Cassa forense.
Presenti all’assemblea le rappresentanze dei consigli degli Ordini, della Cassa e delle associazioni forensi. “Chi crede di poter barattare i diritti dei cittadini con qualche piccolo inciucio al ribasso, si sbaglia di grosso – si legge in una nota dell’Oua – . Da mesi le nostre richieste sono chiare, a cominciare dall’abrogazione dell’articolo 9 del decreto Cresci Italia che cancella le tariffe e dall’eliminazione della norma della manovra economica bis che consente la presenza di soci di solo capitale negli studi professionali”.
Tra le altre richieste: il superamento della recente legge sul processo civile (definita “inutile e dannosa”), lo slittamento dell’entrata in vigore dell’obbligatorietà della media conciliazione per gli incidenti stradali ed il condominio, anche in considerazione dell’attesa per la prossima sentenza della Corte costituzionale.
Rimane, inoltre, da parte degli avvocati, la proposta di istituire urgentemente un tavolo per ridiscutere tanto la revisione della geografia giudiziaria, così come l’accorpamento degli uffici dei giudici di pace.
L’Oua, inoltre, dissente dall’istituzione del Tribunale delle imprese con competenze territoriali ritenute “restrittive” e materie “troppo estese ed arbitrarie”.
Le professioni, si legge in un documento dell’Oua “non possono essere assimilate alle imprese, né sono assoggettate alle garanzie della concorrenza. È forte il contrasto genetico e strutturale tra le regole delle professioni e le regole dell’impresa”.
Intanto il presidente del Consiglio nazionale forense, Guido Alpa, prende nuovamente posizione contro le società di capitali per le professioni: “Siamo fermamente contrari – dice il numero uno del Cnf nel corso di un convegno – alla estensione all’attività professionale forense dei tipi societari previsti dal codice civile finora solo per lo svolgimento di attività commerciali. La nuova disciplina contenuta nella legge di stabilità crea più confusione che altro: le norme sono contraddittorie”.

da Il Denaro, 23 febbraio 2012
vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Diritti degli azionisti: novità europee

del 19/07/2010

Nel Supplemento Ordinario n. 43 alla Gazzetta Ufficiale del 5.03.2010, n. 53 è stato pubblicato...

Ricapitalizzazione: +3% sull'imposta

del 14/09/2010

Per citare un adagio: fatta la legge, trovato l’inganno. Se fino ad oggi le operazioni di aumento di...

Patti parasociali

del 20/09/2010

Parte prima Introduzione e definizione I patti parasociali hanno interessato (ed impegnato) da parec...