Consulenza o Preventivo Gratuito

Sanzionabile il lavoratore che rifiuta di sostituire un collega

del 17/01/2011

Sanzionabile il lavoratore che rifiuta di sostituire un collega

Se un lavoratore rifiuta di sostituire un collega assente viola così l'obbligo di sostituzione previsto dal contratto collettivo con conseguente possibilità del datore di applicare una sanzione disciplinare. Lo afferma la Sezione lavoro della Cassazione civile (sentenza n. 548 del 12/01/ 2011), che esclude anche che tale condotta sia configurabile come astensione dal lavoro straordinario, o come astensione per un orario delimitato e predefinito. Si tratta pertanto di rifiuto di effettuare una delle prestazioni dovute, legittimamente richiedibili al lavoratore: per la Corte "ci si colloca al di fuori del diritto di sciopero quando il rifiuto di rendere la prestazione per una data unità di tempo non sia integrale, ma riguardi solo uno o più tra i compiti che il lavoratore è tenuto a svolgere. E' il caso del c.d. sciopero delle mansioni, comportamento costantemente ritenuto dalla giurisprudenza estraneo al concetto di sciopero e pertanto illegittimo". Nel caso in esame i giudici affermano che la sanzione disciplinare inflitta al lavoratore è dunque legittima e il comportamento datoriale non è antisindacale.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati