Consulenza o Preventivo Gratuito

Appalti: aumento dei contributi a carico delle imprese

del 23/12/2010

Appalti: aumento dei contributi a carico delle imprese

Entreranno in vigore il 1° gennaio 2011 gli aumenti per la tassa sulle gare d’appalto a carico di imprese, stazioni appaltanti e Soa stabiliti dall’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici in base all’importo posto a base di gara. Tra le novità c’è la diminuzione del limite minimo, oggi di 150.000 euro, sotto il quale non si paga che per le stazioni appaltanti passa a 40.000, di conseguenza tra 40.000 e 150.000 euro gli enti appaltanti dovranno versare 30 euro. E ancora: per la fascia da 500.000 a 1 milione di euro le quote passano da 250 a 375 euro per le stazioni appaltanti e da 40 a 70/80 euro per le imprese. Nella fascia compresa tra 1 milione e 5 milioni di euro sale di 200 euro il contributo delle stazioni appaltanti (oggi è 400) e di 70 euro quello delle imprese (oggi è 70 euro). Nella fascia oltre i 5 milioni di euro le quote quintuplicano addirittura, per cui le stazioni appaltanti pagheranno 800 euro; le imprese pagheranno 200 euro nella fascia tra 5 e 20 milioni e 500 euro per la gare sopra i 20 milioni. Le Soa continueranno invece a pagare all’Autorità un contributo pari al 2% dei ricavi dell’ultimo esercizio finanziario. Per stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori diventa obbligo richiedere il numero identificativo univoco “Numero gara” e inserire i lotti che compongono la gara, ai quali il sistema attribuirà il codice identificativo CIG necessario per tutti i contratti pubblici, esclusi quelli per l’acquisto di energia elettrica, gas naturale, acqua all'ingrosso e armi.

a cura della Redazione

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati