CERCA UN PROFESSIONISTA
CERCA NELL'ENCICLOPEDIA
 

Lavoratori rumeni e contratto di somministrazione

LAVORO E STRANIERI

del 29/10/2010
Lavoratori rumeni e contratto di somministrazione

I lavoratori rumeni (con obbligo di certificare la residenza), poiché sono ora comunitari, possono essere regolarmente assunti come dipendenti dai datori di lavoro nazionali con lo stesso trattamento normativo e contrattuale previsto per i lavoratori locali.
Diverso è invece il discorso nell'ipotesi di ingresso in Italia con dipendenti di ditte rumene che stipulano contratti di appalto o contratti di somministrazione con imprese locali.
L'ipotesi che nel territorio nazionale si possano attivare dei contratti interinali tra società comunitarie rumene con dipendenti e imprese locali, principalmente nel settore industriale, è un argomento di estrema attualità.
Si tratta in pratica di casi di contratti di somministrazione di lavoro che vengono valutati con grande sospetto dagli organi di vigilanza in materia di lavoro.
È noto che il decreto legislativo n. 276/2003 individua quali sono i requisiti che deve rispettare un'impresa nazionale per essere autorizzata ad agire in qualità di agenzia per il lavoro e quindi poter svolgere la relativa attività di somministrazione nel territorio italiano.
Le imprese comunitarie (vedi società rumene), invece, non necessitano di tale autorizzazione (art. 4 del decreto citato) per lavorare in Italia con contratti di somministrazione, qualora dimostrino di "operare in forza di un provvedimento amministrativo equivalente a quello richiesto dalla legislazione sociale".
La dichiarazione di equivalenza viene rilasciata da parte del ministero del lavoro entro 30 giorni dalla richiesta documentata avanzata dall'azienda interessata.
Il rilascio di detta dichiarazione presuppone un accertamento tendente a stabilire se anche ai lavoratori interessati siano garantiti diritti equivalenti in tema contributivo e retributivo previo deposito cauzionale ovvero prestazione di garanzia fideiussoria per importi di congrua entità.
La disciplina relativa, però, non è del tutto chiara ed espone le ditte italiane interessate a notevoli difficoltà in aggiunta a quelle già esistenti per svolgere la loro attività.
La Direzione generale del mercato del lavoro, al fine di favorire maggior chiarezza sul problema, ha trasmesso all'Ufficio legislativo una proposta di integrazione normativa agli artt. 4 e 18 del decreto legislativo n. 276/2003 in tema di operatività in Italia delle agenzie di somministrazione autorizzate nei Paesi membri dell'Unione europea.
Tali modifiche prevedono obblighi di preventiva comunicazione in caso di somministrazione trasnazionale da parte di Agenzie comunitarie in possesso di specifico titolo autorizzativo rilasciato dal Paese di origine e sanzioni, di carattere anche penale, nel caso in cui tale comunicazione venga omessa, consentendo peraltro un intervento di carattere "pubblicistico" nei confronti di tali imprese, non subordinato alla presentazione di alcuna istanza da parte dei lavoratori interessati.

news selezionata da ItaliaOggi


Registrati e Fai una domanda




Uomo
Donna
(non verrà pubblicato)

(scegli dall'elenco)



* Con l'inserimento dei tuoi dati dichiari di aver letto ed accettato le condizioni d'uso del sito ed il trattamento dei dati da parte di Professionisti s.r.l.
se vuoi accettare i consensi separatamente

Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di Professionisti s.r.l.
come specificato all' art 3b
Desidero ricevere comunicazioni promozionali e newsletter da parte di società terze anche relative ad indagini di mercato su prodotti e servizi operanti nel settore editoriale, largo consumo e distribuzione, finanziario, assicurativo, automobilistico, dei servizi e ad organizzazioni umanitarie e benefiche come specificato all' art 3c

STUDI COMPETENTI

Avvocati

Avv. Francesco Corallini Garampi

IN EVIDENZA
Divorzio, Patti di famiglia, Donazioni, Contratti commerciali, Difesa del contribuente, Illeciti amministrativi trasporto e circolazione, Recupero crediti, Accertamenti fiscali, Contenzioso tributario, Enti non commerciali
Avvocati

Avv. Domenico Margariti

Largo Giardino Gaetano, 7
21052 Busto Arsizio - Busto Arsizio (VA)
Tel. 0331620051 - Fax. 0331675256

domenico@studiomargariti.com

IN EVIDENZA
Successioni, Reati contro la PA, Reati contro la persona, Stupefacenti, Violazioni del codice della strada, Reati fallimentari, Reati societari, Reati tributari, Reati Edilizia e Urbanistica, Fallimento






CALCOLO MINI IMU
Inserisci la tua rendita
catastale e procedi al
Calcolo Mini IMU →

LEGGI ANCHE

IN EVIDENZA

Assegno di divorzio ridotto o revocato in caso di...

La situazione affrontata dalla Cassazione in una recentissima sentenza, la n. 14521 del 10.07.2015, è piuttosto frequente, riguardando il caso di un padre che chiede la revoca o la riduzione dell’assegno di divorzio per la ex moglie, dovendo lo stesso provvedere...



IN EVIDENZA

Alta velocità: abbonamento unico e prenotazioni obbligatorie

I treni ad alta velocità sono utilizzati sempre più spesso dai pendolari che si spostano per lavoro sulle tratte servite dalla linea. Per questo motivo sia Trenitalia sia Ntv hanno deciso di creare abbonamenti specifici per l'utilizzo frequente delle...



IN EVIDENZA

La modifica del sesso all'anagrafe è sempre possibile?...

Modificare l'indicazione del sesso registrato all'anagrafe comunale, e di conseguenza su tutti i documenti legali, è un'operazione possibile a fronte di un'operazione chirurgica che intervenga sugli organi della persona in questione. Il dubbio se si...



IN PRIMO PIANO

School Bonus e detrazioni fiscali

È stato denominato school bonus, ma diversamente da quanto si potrebbe pensare ad una prima lettura, non è un beneficio che riguarderà le famiglie e gli studenti, o almeno non direttamente. Il provvedimento è piuttosto una misura di tipo fiscale a vantaggio...



IN PRIMO PIANO

Sky Tv: più tutela della privacy per i mancati pagamenti

La Tv satellitare Sky da un po' di tempo a questa parte ha introdotto la possibilità di ricevere una notifica sullo schermo televisivo per la presenza di messaggi diretti agli abbonati. L'innovativa possibilità di comunicazione ha però suscitato il disappunto...



[x] chiudi

IN PRIMO PIANO

Donazioni, trust e fondi patrimoniali demoliti dal...

Un’altra norma a favore degli istituti di credito, gli unici soggetti che nel nostro paese sembrano meritare attenzioni speciali.Il recente decreto legge n. 83/2015 in vigore dal 27 giugno, contiene, nell'ambito del solito "calderone" di misure eterogenee,...




FEED
SHARE
Scrivici  per informazioni sul servizio