Consulenza o Preventivo Gratuito

Minacce al coniuge sono maltrattamenti

del 28/10/2010

Minacce al coniuge sono maltrattamenti

La Suprema Corte nella sentenza 37796 del 25 ottobre 2010 ha stabilito che chi picchia il coniuge per convincerlo a non chiedere la separazione non risponde al reato di violenza privata ma solo di maltrattamenti. La decisione ha così annullato la condanna per violenza privata di un uomo, già condannato per maltrattamenti in danno della moglie e delle figlie. L’imputato era stato condannato dal giudice anche per violenza privata per aver minacciato la moglie per indurla a non chiedere la separazione. Il giudice di legittimità ha annullato la condanna per violenza privata ravvisando continuità la condotta di maltrattamenti e le minacce, che non possono quindi andare a costituire l’autonomo reato di violenza privata.

a cura della Redazione

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c