Consulenza o Preventivo Gratuito

Stop al legname illegale

del 28/10/2010

Stop al legname illegale

Vietata l'immissione di legname grezzo derivante da produttori fuorilegge e dei prodotti da esso derivati: un mercato che rappresenta circa il 20% del legno commercializzato in Europa. L’Ue ha stabilito questo principio per contrastare fenomeni quali lo sfruttamento delle foreste, danni ambientali (dissesto idrogeologico, danneggiamenti agli ecosistemi e alle specie, emissioni di gas serra derivanti dagli ettari di foreste bruciate per essere trasformate in terreni agricoli. Tutte situazioni che nell'ambito del commercio di legname a livello globale provocano una perdita annuale per i governi produttori di almeno 15 miliardi di euro in profitti e tasse, con un impatto anche sui prezzi della merce legale che secondo l'American Forest & Paper Association sono scesi dal 7% al 16%. Nella classifica del WWF dei Paesi importatori di legname illegale figurano Finlandia, Gran Bretagna, Germania, Italia, Olanda, Francia, Belgio, Spagna ed Estonia; mentre i maggiori esportatori sono Russia, Indonesia, Cina, a seguire Brasile, Bielorussia, Ucraina, Bosnia Erzegovina, Lituania, Camerun e Gabon. Garanti del rispetto delle nuove direttive, che dovrebbero entrare in vigore nel febbraio 2013, dovranno essere gli stati membri, attraverso una dettagliata documentazione prodotta delle aziende del settore inererente tutta la filiera di lavorazione del legno, dall’acquistato della materia prima alla cessione del semilavorato o dell’articolo finito.

a cura della Redazione

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c