Consulenza o Preventivo Gratuito

Codice della strada: le nuove regole per le segnalazioni autovelox

del 15/09/2017

Codice della strada: le nuove regole per le segnalazioni autovelox

Il Ministero dell’Interno nel mese di agosto ha diffuso una circolare che intende fare luce in merito alle multe e alle mancate segnalazioni autovelox. Scopriamo le novità, anche alla luce di eventuali ricorsi contro le sanzioni ricevute.

Segnalazioni autovelox: per quello mobile doppia indicazione

La circolare ha innanzitutto precisato un obbligo da parte delle forze dell’ordine in merito alla segnalazione degli autovelox mobili. Secondo il ministero, questi devono essere preceduti da un cartello mobile, posizionato ad una distanza adeguata dallo strumento di rilevazione e ben visibile dalla carreggiata.

Non è quindi sufficiente la presenza della segnaletica stradale fissa che indica la presenza di rilevatori, anche se è ritenuta comunque necessaria.

Segnalazioni autovelox: gli estremi per un ricorso

Nel caso ci si sia imbattuti in una multa per eccesso di velocità, contestarla per la mancanza delle doppie segnalazioni autovelox non è però semplice come potrebbe sembrare.

Infatti il doppio cartello può essere omesso nel caso in cui il controllo avvenga di frequente nello stesso luogo e sia già presente una segnalazione fissa. In pratica quindi esistono gli estremi per un ricorso solo qualora la postazione di controllo non sia posizionata con frequenza nello stesso luogo.

Nulla cambia invece per l’obbligo di segnalazione degli autovelox fissi, che devono essere preceduti da un cartello apposito. Inoltre le postazioni fisse devono riportare ai lati un segnale che le identifichi chiaramente come tali, come un simbolo delle forze dell’ordine o un’icona che rimandi a queste.

Per quanto riguarda la distanza dei cartelli fissi e mobili dallo strumento di rilevazione, questa deve essere adeguata alla velocità massima consentita nel tratto stradale interessato e sarà quindi maggiore tanto quanto più elevata sarà la velocità consentita. Ciò è necessario per garantire la sicurezza in caso di brusca frenata dei veicoli che precedono. Nello specifico i segnali mobili non potranno comunque essere posizionati ad una distanza superiore ai quattro chilometri dall’autovelox, pena la possibilità di un ricorso contro la multa ricevuta.

Sono comunque esclusi dall’obbligo di segnalazione i veicoli delle forze dell’ordine dotati di rivelatore di velocità a bordo, che può quindi essere sempre utilizzato.

In caso di dubbio in merito alle possibilità di ricorso consigliamo di rivolgersi ad un avvocato, anche per valutare l’opportunità dello stesso soprattutto nel caso in cui l’infrazione sia stata rilevata da un autovelox mobile, la cui segnalazione appare ancora oggetto di dubbio nonostante la circolare di cui abbiamo citato i punti più salienti.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Infrazioni al Codice della strada: ricorso al Prefetto

del 08/07/2010

Sgombriamo subito il campo da un equivoco, l’unico atto che può essere giuridicamente impugnato è c...

Non perde punti chi non dichiara il conducente

del 14/07/2010

Se non si dichiara il nome del conducente in seguito ad un’infrazione al Codice della strada non si...

Multe: novità col nuovo Codice della strada

del 19/07/2010

Il nuovo Codice della strada riguardante le infrazioni impedisce ai comuni di fare cassa con gli i...