Consulenza o Preventivo Gratuito

Senza fissa dimora non si fa l’impresa online

del 19/10/2010

Senza fissa dimora non si fa l’impresa online

Chi è senza fissa dimora non può fare l'imprenditore online, perlomeno in Italia. In sostanza, anche nel mondo virtuale di internet, le regole prescritte per chi opera sul mercato non possono essere derogate. L'interessante questione è stata esaminata dal Ministero dello sviluppo economico, Divisione XXI, registro delle imprese nel fornire parere a uno specifico quesito posto dalla Camera di commercio di Pordenone. I dubbi posti dall'ufficio delle registro delle imprese della provincia friulana partivano dal fatto che un soggetto intenzionato a esercitare il commercio elettronico aveva presentato la richiesta di iscrizione indicando quale sede dell'impresa, l'indirizzo virtuale indicato sulla carta d'identità, in forza del fatto che, convenzionalmente, i soggetti senza fissa dimora vengono iscritti all'anagrafe del comune in una via che in realtà non esiste. La problematica posta dalla Cciaa pordenonese partiva dal fatto che le norme che regolano l'iscrizione delle imprese individuali nel registro delle imprese, impone di indicare oltre al cognome, nome luogo e data di nascita, anche la residenza anagrafica, con ciò presupponendo che, in caso di iscrizione, si fornirebbe ai terzi un'informazione inattendibile in quanto, in realtà, l'imprenditore non sarebbe reperibile. Tra l'altro, l'irreparabilità dell'imprenditore individuale, evidenziava tra l'altro l'ente camerale, di per sé è causa di cancellazione d'ufficio dell'impresa eventualmente già iscritta. Sulla medesima linea si pone il parere del Mise del 15 ottobre scorso, a firma direttore del Dipartimento Gianfrancesco Vecchio. Nonostante a livello anagrafico della popolazione, afferma il parere, sia stata dettata una precisa disciplina per risolvere le problematiche connesse ai senza fissa dimora e lo stesso Istat, incaricato di organizzare i censimenti della popolazione, abbia fornito ai comuni le modalità operative per tali residenti, l'attuale normativa nazionale, la fattispecie esposta contrasta sia con le norme del codice civile sia le norme specifiche previste per l'iscrizione al registro delle imprese, risultando impossibile fornire nella domanda alcune indicazioni previste, invece, obbligatoriamente dalla legge. Peraltro, conclude il parere, la fattispecie contrasta con la stessa ratio delle norme di riferimento “e cioè garantire la reperibilità dell'impresa e del suo titolare ai fini di notifiche, comunicazioni, richieste, ispezioni ecc”.

news selezionata da ItaliaOggi

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c