Consulenza o Preventivo Gratuito

Cosa c'e' da sapere sul 730 precompilato

del 20/04/2015

Cosa c'è da sapere sul 730 precompilato

Il 730 precompilato è una modalità semplificata di presentazione della dichiarazione dei redditi di cui possono avvalersi - per il momento - i lavoratori dipendenti e i pensionati.

Si tratta di un modulo che contiene già i dati a disposizione dell'Agenzia delle Entrate e dell'Inps (più eventuali altri dati in mano al fisco). Il contribuente può accedervi liberamente e approvare il 730 così com'è oppure apportarvi delle modifiche. Una semplificazione che gli permette di gestire la questione anche autonomamente, senza bisogno di ricorrere all'aiuto di CAF o professionisti del settore. Secondo le prime impressioni, è emerso tuttavia che difficilmente la dichiarazione precompilata può essere sfruttata, in quanto essa non tiene conto di molte detrazioni frequenti, come quelle sulle spese dei medicinali.

Il 730 precompilato è accessibile alle categorie interessate dal 15 aprile. Per ovvie questioni di riservatezza, per consultare i dati è necessario utilizzare il PIN dispositivo fornito dall'Inps. Chi non ne è ancora in possesso può telefonare all'ente, richiederlo sul sito o in uno degli sportelli presenti nel proprio territorio di appartenenza. Da quando la nuova modalità è entrata in vigore, molti utenti hanno segnalato però delle difficoltà di accesso. Queste potrebbero essere dovute a un problema di navigazione. In tal caso, potrebbe essere sufficiente aggiornare la versione del programma con il quale si naviga in rete e, se ancora non basta, cambiare browser. Nel sito dell'Agenzia delle Entrate, a lato della dichiarazione, è stato inserito un link che serve a verificare se il computer o il dispositivo utilizzato necessitino o meno di un aggiornamento per visualizzare il documento correttamente.

Nonostante il modulo sia già online da un po' di tempo, le modifiche ai dati del 730 precompilato saranno possibili solo a partire dal mese di maggio. La funzione di modifica, infatti, non è ancora attiva. Chi volesse modificare le voci relative alle detrazioni per le spese mediche deve sapere che per quest'anno la possibilità non è contemplata per il modulo online: dovrà quindi rivolgersi ai canali tradizionali (CAF o professionisti abilitati).

Occorre infine chiarire che anche per coloro che rientrano nella categoria di soggetti ai quali è messo a disposizione il modulo 730 precompilato la presentazione della dichiarazione dei redditi resta comunque facoltativa, se già precedentemente non erano obbligati a effettuarla. L'auspicio è che, superate le difficoltà iniziali, la nuova modalità possa agevolare la vita dei contribuenti e semplificare il loro rapporto con la Pubblica Amministrazione.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
La beffa degli 80 euro

Fabio Ferrara, commercialista del 02/07/2015

Nel modello di dichiarazione dei redditi riguardante il periodo d’imposta 2014, è stato introdotto...

Deduzioni Iva per omaggi natalizi

del 10/12/2010

All’approssimarsi delle festività natalizie è consuetudine che le imprese, grandi e piccole, porgano...

Le novità del Modello Unico 2011

del 30/12/2010

Cambia sia nella grafica sia nei contenuti il modello Unico per il 2011. Tra le novità la cedolare s...