Consulenza o Preventivo Gratuito

2012: quasi 1 milione di famiglie senza lavoro

del 08/05/2013

2012: quasi 1 milione di famiglie senza lavoro

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.”

Questo è il disposto  normativo con cui apre l’articolo 4 della Costituzione Italiana.

Il lavoro quindi, così come è stato in origine inteso dalla nostra Carta Costituzionale, dovrebbe essere un diritto inviolabile, un diritto che, non solo ogni cittadino dovrebbe vedersi riconosciuto, ma che dovrebbe addirittura essere promosso e favorito dallo Stato.

La dura realtà dei fatti

Come spesso accade però, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare ed ecco quindi che l’ennesimo dato diffuso dall’Istat, rivela una realtà dei fatti del tutto differente.

Nel corso dell’anno 2012 infatti, circa 1 milione di famiglie è letteralmente "sopravvissuta" senza percepire alcun reddito derivante da attività lavorativa.

Un dato che è lievitato nell’ultimo quinquennio, fino a raddoppiarsi rispetto a quello rilevato nell’anno 2007.

In sostanza nel corso del 2012, 955 nuclei familiari, composti da soggetti in età lavorativa e perfettamente idonei allo svolgimento di qualsiasi tipo di attività, versavano in realtà in condizioni disperate e senza alcun tipo di occupazione.

Va certamente detto che, seppur in minima parte, dal totale dei dati rilevati, devono essere anche esclusi i casi dei fortunati che, potendo vantare un cospicuo importo mensile, può permettersi di non lavorare per propria scelta. Ma questi purtroppo rappresentano soltanto una fetta di questa immensa torta farcita di povertà, disperazione e soprattutto di disoccupazione!

Il campione preso in esame

La suddivisione delle famiglie campione è stata evidenziata dallo stesso Istituto di Ricerca Statistica, che ha reso nota la seguente ripartizione del campione:

-419mila famiglie in cui c’è la presenza di uno o più figli;

-234mila soggetti che vivono da soli;

-183 mila nuclei familiari con la presenza di un solo genitore;

-74 mila famiglie composte da una coppia senza figli;

-45mila “altre tipologie”.

Le situazioni particolari

Molteplici le situazioni particolari che sono rientrate nell’indagine svolta. Uno dei casi più  ricorrenti,  per esempio,  è dato dai nuclei familiari composti da due genitori pensionati con figli grandi inesorabilmente a carico perché disoccupati.

Al Sud la situazione è più critica

La maggiore concentrazione di situazioni estreme  si è registrata al sud ma, nonostante ciò, anche il nord non si è risparmiato, svelando alcuni casi limite.

Il tempo cura tutte le ferite... non sempre.

Questa dunque è la situazione economica delle famiglie italiane immortalata nel 2012.

Una ferita che il passare del tempo non ha curato anzi, ha accentuato e che, probabilmente sarà destinata a peggiorare nel futuro prossimo.

vota  
Con l'inserimento dei miei dati dichiaro di aver preso visione ed accettato il Trattamento dei Dati
SULLO STESSO ARGOMENTO
Nel Lul ci va la retribuzione reale

Dott. Claudio Zaninotto del 28/12/2011

La risposta all’interpello proposto al Ministero del Lavoro dai colleghi consulenti del lavoro, in c...

Lavoro e stranieri: le ultime novità

Avv. Luca Failla del 02/01/2012

Con diversi provvedimenti sia di matrice nazionale sia di matrice comunitaria il lavoro degli strani...

Ho lavorato per un anno con contratto di collaborazione a progetto, ora l'azienda vorrebbe assumermi come apprendista: è corretto?

Dott. Claudio Zaninotto del 06/02/2012

Dipende. E’ senz’altro corretto se, nell’ipotesi di assunzione con qualifica di apprendista, l’attiv...