Consulenza o Preventivo Gratuito

Violenza sessuale se lei ci ripensa

del 30/04/2013

Contatta | Studio Legale Pecchi
v.le Leonardo da Vinci 114 Roma 00145 Roma (RM)

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 15334 del 3 aprile 2013, ha affermato che "integra il reato di violenza sessuale la condotta di colui che prosegua un rapporto sessuale quando il consenso della vittima, originariamente prestato, venga poi meno a causa di un ripensamento o della non condivisione della modalità di consumazione del rapporto".

Afferma la Suprema Corte che "il consenso della vittima agli atti sessuali deve perdurare nel corso dell'intero rapporto senza soluzione di continuità" rigettando così la difesa dell'imputato che, sostenendo che non si trattava di pratiche sadiche imposte bensì di giochi erotici cui la persona offesa si era prestata consapevolmente, sosteneva che trattandosi di un rapporto sadomaso non si poteva ritenere che in ogni momento l'imputato avesse l'obbligo di verificare la persistenza del consenso.

I Giudici di Piazza Cavour hanno condiviso la decisione dei giudici di merito che, facendo corretta applicazione dei principi di diritto, hanno escluso che potesse assumere rilievo un consenso al rapporto sessuale prima prestato e successivamente venuto meno dando conto del fatto che la persona offesa aveva manifestato un rifiuto espresso a determinati rapporti sessuali attuati sotto la minaccia e la diffusione di immagini a carattere sessuale.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Insulti via mail non è molestia

del 22/07/2010

Secondo la Corte di Cassazione scrivere e inviare una email di insulti è completamente differente da...

Anche la diffamazione è stalking

del 23/09/2010

Se siete stati oggetto di diffamazione, ad esempio di fronte al vostro datore di lavoro, potete accu...

Niente insulti al dipendente suscettibile

del 01/10/2010

Il datore di lavoro che riprende un dipendente non è autorizzato in alcun modo a offenderlo con epit...