Consulenza o Preventivo Gratuito

Datore responsabile se il dipendente è negligente

del 23/04/2013

Datore responsabile se il dipendente è negligente

Il datore di lavoro è responsabile dell'infortunio di un suo dipendente anche se la causa è imputabile a imperizia o negligenza di quest'ultimo? La risposta è e la fornisce la sentenza della Corte di Cassazione n. 9167/13 dello scorso 16 aprile. I giudici della Corte Suprema hanno infatti stabilito che il datore di lavoro ha l'obbligo di vigilare sui suoi dipendenti fornendo loro le protezioni necessarie alla tutela della loro incolumità e deve assicurarsi che esse vengano utilizzate adeguatamente.

Il caso di merito di fronte cui si sono trovati ad esprimersi gli Ermellini era quello di un lavoratore che a causa di un incidente aveva riportato lesioni agli occhi di una certa importanza. L'operaio stava usando una pompa che erogava soda caustica per pulire le canaline utilizzate nel processo di vinificazione dell'azienda per cui lavora senza indossare gli occhiali protettivi. Il tubo si è rotto e la sostanza corrosiva lo ha colpito sul volto e sugli occhi in modo abbastanza grave.
Secondo i giudici della Cassazione l'infortunio subito dal lavoratore era interamente da addebitarsi al suo datore, non solo perché non stava vigilando su quanto stava facendo il dipendente, ma anche perché gli ha fornito uno strumento che, per la sua pericolosità, non era idoneo all'utilizzo in atto e inoltre non aveva neppure munito l'operaio degli occhiali protettivi. Queste le ragioni per cui la corte del Palazzaccio ha ritenuto il datore di lavoro responsabile, dando così ragione ai precedenti pronunciamenti dei giudici territoriali.

Questa sentenza non è altro che l'ultima di una lunga serie con cui i giudici dell'Alta Corte si sono espressi su casi simili, in tutela dei lavoratori.
La responsabilità dunque resta interamente a carico del datore di lavoro salvo i casi in cui il lavoratore adotti un comportamento “abnorme, inopinabile e del tutto eccezionale” che lo ponga quindi, come stabilito anche da precedenti sentenze, in posizione di unico responsabile del danno alla sua persona durate l'orario di lavoro.

Già in precendeza, con le sentenze n. 5024/02 e n. 1994/12, la Corte di Cassazione aveva precisato che il datore non  può invocare il concorso di colpa in quanto quest'ultimo ha il dovere di proteggere il suo dipendente che opera in situazioni “imposte” dalla condizione di subordinazione che il rapporto lavorativo stabilisce. La responsabilità, precisa il pronunciamento, "va addebitata al datore di lavoro, il cui comportamento, si concretizza invece nella violazione di specifiche norme antifortunistiche (o di regole di comune prudenza) e nell’ordine di eseguire incombenze lavorative pericolose, funge da unico efficiente fattore causale dell’evento dannoso”.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c