Consulenza o Preventivo Gratuito

Conversione cocopro in contratti a tempo indeterminato

del 25/02/2013

Conversione cocopro in contratti a tempo indeterminato

La circolare dell’Inps n. 13 del 19 febbraio 2013 contiene alcune precisazioni rivolte al suo personale di vigilanza circa la conversione dei contratti a progetto in contratti di lavoro dipendente a tempo indeterminato, con effetto retroattivo alla data di instaurazione del rapporto.

Analizziamo innanzitutto cosa prevede la Riforma Fornero in merito: oramai dal 18 luglio scorso, data di entrata in vigore della riforma del lavoro, le collaborazioni coordinate e continuative devono essere ricondotte ad uno o più progetti: stabiliti dal committente; eseguiti in completa autonomia dal collaboratore; finalizzati al raggiungimento di un obiettivo indicato specificamente nel contratto; non costituenti nè semplice rivisitazione dell’attività aziendale né espletamento di mansioni ripetitive e meramente esecutive incluse nel CCNL; indicanti il risultato da perseguire. La collaborazione deve essere incardinata su basi diverse da quelle di un rapporto di lavoro subordinato (tranne nel caso di collaborazioni altamente professionali).

Queste considerazioni riguardano tutti i contratti a progetto stipulati dopo il 18 luglio 2012. I contratti che alla data del 18 luglio 2012 erano già in corso seguono la normativa previgente fino alla loro scadenza.

Per quanto concerne il premio assicurativo da versare, questo viene determinato: applicando un tasso (che varia al variare dell’attività svolta) alle somme riconosciute al collaboratore (tenendo presente i valori legati al massimale e minimale Inail annuo). Il relativo onere è suddiviso per un terzo a carico del lavoratore a progetto e per due terzi a carico del committente.

Premesso tutto ciò, analizziamo ora le precisazioni fornite dall’Inail: la presunzione di subordinazione può essere assoluta o relativa. La prima esiste quando il co.co.pro. è stato istituito senza un progetto: in tal caso viene meno l’elemento fondamentale dell’istituto. Al datore non è possibile dimostrare il contrario. Gli ispettori dell’Inail hanno il compito di convertire il contratto di lavoro a progetto in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato considerandolo tale a partire dal giorno di costituzione.

La presunzione relativa esiste quando esiste una similitudine tra le modalità esplicative delle mansioni dei co.co.pro. e quelle dei dipendenti dell’azienda. Anche in questo caso si deve convertire il rapporto in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, con effetto retroattivo. Al datore tuttavia è concesso dar prova del contrario.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Somministrazione e rilancio dell’occupazione

del 08/07/2010

Con la Legge 23 dicembre 2009, n. 191 (Finanziaria 2010) il legislatore apportando importanti mod...

Il dirigente a progetto

del 13/07/2010

Sono sempre più numerose le aziende italiane che scelgono di avere un dirigente per il tempo necessa...

Indennità di maternità al padre

del 06/09/2010

Cattive notizie per i padri di famiglia liberi professionisti che non potranno percepire l’indennità...