Consulenza o Preventivo Gratuito

La legge Pinto e la ragionevole durata del fallimento

del 14/01/2013

La legge Pinto e la ragionevole durata del fallimento

La Suprema Corte di Cassazione ha affermato che non è possibile predeterminare in astratto la ragionevole durata del fallimento; ciò detto, la giurisprudenza ammette l’applicabilità alle procedure fallimentari delle norme che affermano il diritto del cittadino alla ragionevole durata del processo di cui alla c.d. Legge Pinto (Legge n. 89 del 2001, recentemente modificata dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83).

Se pertanto, nel caso concreto (previa verifica dettagliata, ad esempio, di tutte le fasi della procedura, della quantità dei creditori concorsuali, delle questioni indotte dalla verifica dei crediti, delle controversie giudiziarie innestatesi nel corso del fallimento, dell’entità del patrimonio da liquidare e della consistenza delle operazioni di riparto), attraverso le prove della inerzia ingiustificata, dovesse risultare che la procedura ha ecceduto una ragionevole durata, il cittadino ha diritto di promuovere un autonomo giudizio al fine di richiedere un’equa riparazione consistente nel risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale in riferimento al periodo eccedente la ragionevole durata.

vota  
Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c
SULLO STESSO ARGOMENTO
Il credito ante-fallimento non è un costo in bilancio

del 03/11/2010

Non sono deducibili e quindi non possono essere iscritti in bilancio come costi i crediti non riscos...

Il sovraindebitamento e la procedura di composizione della crisi

Avv. Nicola Soldati del 16/01/2012

Con la pubblicazione del decreto legge 22 dicembre 2011, n. 212 è stato introdotto nel nostro ordina...

Il recesso del socio

Rag. Lisa Di Sacco del 18/01/2012

Il diritto di recesso consiste nel diritto del socio di sciogliere il rapporto contrattuale che lo l...