Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Testamento pubblico

del 29/06/2016
CHE COS'È?

Testamento pubblico: definizione

Parlando di testamento pubblico, in via generale e iniziale diremo come ex articolo 587 codice civile il testamento è un atto scritto, con il quale il testatore dispone delle proprie sostanze (le offre, le mette a disposizione, in effetti), sebbene non necessariamente di tutte, per un momento futuro, ed esattamente per quando lo stesso avrà cessato di vivere. 
 
È bene chiarire subito come il testamento non è un atto obbligatorio: la successione ereditaria, che si apre al momento della morte, può infatti essere interamente disciplinata dalle norme che la legge comunque predispone ai sensi del libro secondo del codice civile; di converso, se v’è testamento, le disposizioni in esso contenute non possono violare le norme predisposte ex lege, ad esempio escludendo soggetti che la legge invece indica come persone alle quali la legge riserva comunque una quota di eredità (cosiddetti legittimari, ex articoli 536 e seguenti codice civile). Diremo dunque, in via di definizione generale, come ex articolo 457 codice civile l’eredità possa essere devoluta nel nostro ordinamento solo per legge o per testamento.
Il testamento è sempre revocabile e/o modificabile. 
Ai sensi degli articoli 601 e seguenti codice civile, il testamento può essere redatto in forma ordinaria o in forma speciale (vedi sotto voce COME SI FA).

COME SI FA

Testamento pubblico: cose si redige e che valore ha

Il testamento è un atto giuridico e dunque soggiace alle norme generali sui negozi giuridici, che chiedono il rispetto dei requisiti di liceità, di validità, di efficacia e di legittimità: in caso di testamento non conforme ai requisiti di legge, pertanto, lo stesso verrà considerato come non posto in essere (salvo tuttavia quanto disposto dall’articolo 590 codice civile, per alcune possibili forme di cosiddetta sanatoria del testamento nullo). 
 
Non si dimentichi che la validità del testamento dipende anche dalla ricorrenza in capo al testatore della capacità giuridica e di agire, per disporre delle proprie sostanze, per cui si veda sotto (vedi sotto voce CHI).
Nel testamento vi possono essere indicazioni di contenuto patrimoniale - che in effetti costituiscono il contenuto tipico del testamento - ma possono essere raccolte anche volontà del testatore di contenuto non patrimoniale, quali ad esempio le indicazioni sulle modalità in cui svolgere il funerale, il riconoscimento di un figlio naturale, la decisione di pubblicare o meno dei propri scritti, eccetera.

Nel caso in esame, il testamento pubblico ha valore esattamente di atto pubblico, seguendo le norme del codice civile e quelle del diritto speciale notarile, assicurando non certo la segretezza bensì la custodia e la conformità della volontà espressa alle regole dell’ordinamento, garantendo anche una maggiore certezza sulle esatte volontà del testatore, che vengono raccolte per iscritto da un esperto di diritto, qual è appunto il notaio, in presenza di due testimoni.

Il notaio è l’unico soggetto che può redigere e ricevere un testamento pubblico, con la sola eccezione dei consoli italiani all’estero, ricorrendo talune circostanze. Quanto raccolto dal notaio rappresenta la volontà del testatore e costituisce piena prova, sino a querela di falso, delle dichiarazioni che il notaio attesta essere state rese in sua presenza. 

È consentito al notaio fare domande e fornire qualche suggerimento, ma solo al fine di inquadrare meglio e dunque rendere più chiara la volontà del testatore. In ogni caso, il modo di qualificare una propria volontà indicato dal testatore non vincola la corretta interpretazione della esatta volontà se questa risulta chiaramente dal contesto in cui è resa (ad esempio, dico erede ma intendo legatario, precisando infatti la consistenza propria del legato). Il notaio leggerà ai presenti (testatore e testimoni) il testo redatto, indicherà luogo e data del ricevimento e tutti procederanno alla sottoscrizione dell’atto, con l’apposizione dell’ora di sottoscrizione. 

Le operazioni suindicate possono anche non essere contestuali, ma comunque la volontà del testatore dovrà essere espressa anche davanti al notaio e ai testimoni.

CHI
Secondo l’articolo 591 codice civile, possono disporre per testamento pubblico o meno (qualunque sia la forma scelta) coloro che non sono stati dichiarati incapaci dalla legge. Dunque non possono fare testamento i minorenni, gli interdetti per infermità di mente e quelli che si può provare fossero in uno stato di incapacità di intendere e di volere nel momento in cui fecero testamento.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

SUCCESSIONI: VOCI CORRELATE

Eredità: rappresentazione nella successione

di del 31/08/2016

La rappresentazione nella successione è cosa ben diversa rispetto alla rappresentanza: secondo l'art..

Testamenti speciali

di Avv. Camilla Zamparini del 15/03/2012

Il codice civile agli articoli 609 e seguenti disciplina i cosiddetti testamenti speciali, definiti ..

Eredi necessari o legittimari

di Avv. Giuseppe Pellegrino del 08/03/2012

Nell’ambito della disciplina della successione per causa di morte, vengono definiti eredi necessari ..

Testamento olografo

di Avv. Camilla Zamparini del 08/03/2012

Il testamento olografo è trattato in modo specifico all'articolo 602 del codice civile italiano, seb..

Dichiarazione di successione

di Dott. Fabrizio Ferrari del 09/03/2012

La successione è l’evento attraverso il quale si realizza il trasferimento dei rapporti giuridici si..