Il Professionista su misura per te
o richiedi una
Chiedi una Consulenza o Preventivo Gratuito

Indennità di trasferimento

del 24/01/2012
CHE COS'È?

Indennità di trasferimento: definizione

La legge disciplina espressamente l’ipotesi di trasferimento dei lavoratori e quella dei dirigenti delle RSA e dei componenti delle RSU, ma non dà alcuna definizione dell’istituto. Secondo la giurisprudenza il trasferimento consiste in uno spostamento del lavoratore definitivo e senza limiti di durata.
La contrattazione collettiva integra la disciplina legale sotto diversi aspetti.
Il trasferimento può riguardare il singolo lavoratore (trasferimento individuale) ed essere disposto su iniziativa del datore di lavoro o su esplicita richiesta del lavoratore stesso; può, infine riguardare più lavoratori (trasferimento collettivo).
Il trasferimento individuale su iniziativa del datore di lavoro è l’ipotesi più frequente di trasferimento.
Il datore di lavoro ha un’ampia discrezionalità nel decidere unilateralmente i trasferimenti individuali, a patto che avvengano da unità produttiva a unità produttiva nell’ambito della stessa azienda e che siano motivati da comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive.
Tale presupposto non è invece necessario nel caso di trasferimento nell’ambito della stessa unità produttiva.

Dott. Matteo Burioni
Consulente del Lavoro
Studio 27 Consulenti del Lavoro Associati

COME SI FA
MOTIVI
Il controllo sulla legittimità del trasferimento è limitato all’accertamento della sussistenza delle comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive richieste dalla legge, mentre è insindacabile la scelta del datore di lavoro tra le diverse soluzioni organizzative adottabili.
Le ragioni del trasferimento devono essere di carattere oggettivo e non possono essere determinate da valutazioni soggettive come, ad esempio, quelle che possono giustificare l’applicazione di sanzioni disciplinari:
  • deve sussistere un rapporto di causalità tra le ragioni organizzative e il lavoratore che deve essere trasferito;
  • il trasferimento deve essere finalizzato al miglior funzionamento dell’azienda e la scelta del dipendente deve essere dettata dalle particolari attitudini di quest’ultimo a ricoprire il nuovo posto di lavoro.
COMPENSI
Premesso che il lavoratore in trasferta ha comunque diritto alla retribuzione che gli sarebbe spettata se avesse lavorato nella sua sede abituale, spesso allo stesso viene corrisposta una specifica indennità: si tratta di un compenso, stabilito dagli accordi individuali o dalla contrattazione collettiva, in parte legato alle spese sostenute e in parte strettamente connesso al maggiore disagio causato al lavoratore. La misura dell’indennità è normalmente correlata ai giorni trascorsi dal lavoratore in trasferita.
La giurisprudenza prevalente ritiene che l’indennità abbia natura mista cosí come stabilito dalla legge ai fini contributivi: in parte risarcitoria e in parte retributiva, indipendentemente da come le parti (nel contratto individuale o nel contratto collettivo) l’hanno qualificata. La determinazione deve, però, essere compiuta caso per caso, verificando in concreto la volontà delle parti.
Tutte le spese (o una parte, nel caso di pagamento della diaria) effettivamente sostenute dal lavoratore nell’interesse dell’azienda, sono a carico di quest’ultima. Il datore di lavoro è obbligato pertanto a rimborsare al lavoratore le spese documentate con adeguati giustificativi. I rimborsi spese sono somme che non hanno natura retributiva e, quindi, non incidono su altri elementi della retribuzione, sul Tfr e non sono assoggettati a contributi previdenziali.

PRECISAZIONI:
  1. i rimborsi spese interenti l’uso dell’autovettura possono essere calcolati facendo riferimento alle tariffe ACI, che tengono conto, a seconda del tipo di autovettura e del numero di chilometri percorsi, del consumo di benzina, dell’ammortamento della vettura, delle spese di assicurazione, eccetera;
  2. l’indennità di trasferta va a compensare il disagio che deriva al dipendente dal dover rendere la prestazione in un luogo diverso da quello in cui è addetto in via permanente, in quanto la temporaneità dello spostamento non gli consente di organizzarsi definitivamente. Quando però tale disagio non può considerarsi esistente, perché lo spostamento temporaneo non c’è dal momento che la sede abituale di lavoro viene assegnata solo formalmente e non di fatto, il diritto alla trasferta non è intrinsecamente configurabile, mancando l’effettiva modificazione del luogo di lavoro.

CHI
Per maggiori informazioni è opportuno rivolgersi a un consulente del lavoro.

vota  

Inserendo i miei dati accetto le Condizioni d'uso e il trattamento dati
Voglio ricevere le newsletter di Axélero S.p.A. come specificato nel paragrafo 2b
Voglio ricevere le newsletter di società terze come specificato nel paragrafo 2c

RETRIBUZIONE DA LAVORO: VOCI CORRELATE

Incentivo all’esodo

di Avv. Elisabetta Fedegari del 18/11/2011

L’incentivo all’esodo è un reddito da lavoro dipendente pagato dal datore di lavoro a fronte della r..

Superminimo assorbibile

di del 24/09/2015

Quando si parla di superminimo assorbibile bisogna innanzitutto sapere che ci si trova sul campo del..

Tredicesima e quattordicesima

di Rag. Marco Bosticchi del 22/11/2011

Le mensilità aggiuntive, notoriamente identificate in tredicesima e quattordicesima mensilità, sono ..

Superminimo collettivo

di Avv. Emanuela Rossetti del 09/03/2011

Il superminimo collettivo è una delle voci aggiuntive della busta paga.L'erogazione del superminmo è..

Superminimo individuale

di del 22/11/2011

Il superminimo individuale è ciò che viene normalmente definito “aumento di merito” o “ad personam”...